Advertisements
Annunci

Temptation Island: riassunto seconda puntata (1/2)

Temptation Island seconda puntata

Ventuno giorni è la durata del viaggio dei sentimenti delle coppie che partecipano a Temptation Island. Ce lo dice proprio Filippo Bisciglia, il quale, invece, per ventuno giorni sarà costretto a “lavorare”.

Per Arcangelo e Nunzia il viaggio potrebbe durare meno, infatti Arcangelo è al punto d’essere arrivato al punto che sono arrivati al punto, le tentatrici lo chiamano Arc e lui vorrebbe tanto rimanere là, come Filippo Bisciglia, altro che falò finale.

Vediamo lui, sul letto, con la tentatrice bionda che si esprime solo tramite frasi standard, di quelle che ogni anno le tentatrici dicono ai fidanzati:

Sei tanto sensibile, tu sei una persona profonda, sei così dolce forse non ti senti capito

Le ragazze dal pinnettu vedono Arc tubare con la bionda, le altre, sentendosi per qualche strana ragione in una posizione migliore rispetto a Nunzia, cominciano ad elargire consigli non richiesti sulla coppia (e su come Nunzia dovrebbe comportarsi nei confronti di Arcangelo).

Al falò, Filippo, mostra a Nunzia dei video: qua si sente un po’ la mancanza del’l’abilità di Simona Ventura nell’esaltare il pubblico per poi propinare immagini di piante e foglie mosse dal vento; Filippo resta nel suo, e, prima di mostrarci Arcangelo saltare addosso alla tentatrice ignara e baciarla in bocca, ci sorbiamo un preludio inutile. Inutilissimo, in cui non si sente niente, ma s’intuisce che Arcangelo abbia tradito Nunzia diverse volte.

L’espediente per spingere Arcangelo a quasi violentare una tentatrice è stato un cambio microfoni, con tanto di telecamera appoggiata lì, davanti a lui. Secondo Arc, non poteva funzionare senza ausilio del microfono.

Filippo ci spiega che Arcangelo non aveva proprio capito, e pensava che siccome il microfono non funzionava la telecamera non riprendesse; vedendo Nunzia allibita (non si sa se per quello che, pensava, avrebbe visto o se per lo scarso acume del suo fidanzato), Filippo, aggiunge che forse Arcangelo ha pensato questo non essendo avvezzo alle riprese televisive.

Mentre la tentatrice corre in bagno a piangere e maledire il momento in cui è stato scelta da Arcangelo- e non da qualsiasi altro fidanzato (persino Nicola, in quel momento, le sarebbe andato meglio di Arcie), Nunzia, chiede a Filippo di chiamare Arcangelo al falò finale anticipato.

Katia è stufa che nessuno la interpelli, dunque interviene e dice che Nunzia da questo video ormai ha capito tutto, o almeno spera. Filippo comunica ad Arcangelo la decisione di Nunzia, ma lui, al falò anticipato, manco ci si presenta, ancora non ha capito la differenza tra un microfono e una telecamera e non ha proprio idea che Nunzia possa aver visto lui che assaliva la tentatrice, dunque è convinto di non aver fatto niente di grave e che lei sia pazza.

Filippo torna nel villaggio per convincere Arcangelo a presentarsi al falò, lui decide di fare ciò che dice Filippo (anche se la differenza tra microfono e telecamera continua a non essergli chiara).

Arcangelo si presenta finalmente di fronte a Nunzia che prova a fare la figa, ma smette dopo tre secondi:

“Ti ha dovuto convincere per venire qua?”
“Sì”
“Ok”

Nunzia parla di se in terza persona, Arcangelo borbotta, comunque sia non si capisce quello che dicono.

Nunzia decide di avvelersi della possibiltà di usare i video e non parlare ed è una buona idea, così, finalmente, anche Arcangelo capisce d’essere stato ripreso durante i problemi tecnici del microfono (ma non come mai).

Lui dice che se si prende solo la cosa presa così è ovvio che lei abbia ragione, ma sciugi sciugi shepreijfao. Nunzia invece in tredici anni gli ha fatto da amica, da sorella, da mamma, da amante, da comlice, da badante, da donna delle pulizie, da estetista, da sarta, da tutto.

Arcangelo continua a parlare del bacio come di una sciocchezza, d’altra parte l’ha baciata ridendo e scherzando quindi non vale, era tana. Poi a lui non interessa quello che pensa lei, gli interessa quello che pensa lui.

Arcangelo si barcamena fra spiegazioni strane e parole incomprensibili, però tutto quello che ha fatto, lui, lo ha fatto per loro: il bacio fatidico che ok c’è stato, solo per risollevare la loro storia, in nome di un percorso da fare insieme in cui o si usciva conviventi o si usciva lasciati.

Ad ogni modo ci sta tutta la vita che lei si sia incazzata per il bacio (che non è un bacio, si okey è un bacio, però scherzoso), ma si sbaglia. Nunzia decide di tornarsene a casa da sola, salvo cambiare idea dopo tre secondi e domandare a Filippo un nuovo falò.

Andrea e Jessica si sarebbero dovuti sposare proprio in questo periodo, ma, Jessica, dopo aver fatto saltare il matrimonio, sta per darla a un tentatore a caso. Proprio questione di minuti, non fosse che il tentatore la schifa peggio di quanto le tentatrici disprezzino Arcangelo.

Jessica, dopo non essersi presentata al falò con Andrea, dice ad Alessandro che a volte le verrebbe voglia di allontanarsi un po’ da lui. Alessandro cerca di cogliere la palla al balzo:

Dai dai, si si , lo facciamo, lo facciamo

Per lui è l’idea migliore che sia mai venuta in mente a Jessica e non vede l’ora di metterla in pratica, infatti, mentre lei lo accarezza sfiorandosi la gonna, lui le domanda se non avevano mica detto quella cosa dell’allontanarsi un po’.

Dal Pinnettu Andrea vede Jessica che si confida con le amiche, ad oggi Alessandro le sta dando tutto quello che Andrea non le da, ma non è sicura che fra due giorni non le passi questa cotta e nemmeno di chi, fra i due, sia più bello. Le fidanzate non hanno idea di chi sia Andrea, figuriamoci di come sia fatto, si ricordano giusto in quel momento che Jessica non è una single scappata ma, anche lei, ha un fidanzato nell’altro villaggio.

… CONTINUA…


Advertisements
Annunci


Categories: Ironico, Reality Show, Televisione, Temptation Island, Temptation Island 6

Tags: , , , , , , , , , ,

Cosa ne pensi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: