Advertisements
Annunci

Amici 18

Vademecum per lo spettatore medio di Amici di Maria de Filippi

Siamo ad Amici e vince chi è stato stabilito che vinca. È solo uno e di solito è chiaro chi sia più o meno dopo un mese, a volte lo fanno entrare in corsa per rendere più imprevedibile un programma stantio. Non è mai “troppo ovvio” o “troppo scontato”, se uno può godere di spot pubblicitari che promuovono il suo disco in uscita, quando ancora è nel programma, e tutti gli altri no, beh, il vincitore sarà proprio quello degil spot pubblicitari.

Advertisements
Annunci

Amici 18: riassunto ironico della finale (completo)

Non c’è il traduttore, è andato al bagno e poi Rafael non vuole mettersi l’auricolare. Maria prova a speigare a Rafael in italiano che non capisce, allora implora Luca Zanforlin che va sempre in vacanza in Spagna di spiegargli che ha vinto. Luca ci prova ma Mery vuole che prenda un microfono, lui sclera.

Amici 18: il riassunto della finale (seconda sfida)

Non c’è il traduttore, è andato al bagno e poi Rafael non vuole mettersi l’auricolare. Maria prova a speigare a Rafael in italiano che non capisce, allora implora Luca Zanforlin che va sempre in vacanza in Spagna di spiegargli che ha vinto. Luca ci prova ma Mery vuole che prenda un microfono, lui sclera e comincia a gridare:

Amici 18: Mauro Bonfanti si offende per i mancati ringraziamenti di Alberto Urso

È il caso di Mauro Bonfanti, assunto da Maria de Filippi specialmente per Alberto Urso (siccome nella scuola un professore di lirica mancava) che è poi la stessa persona ad averlo presentato ad Amici, fra le righe, infatti, lascia intendere che senza la sua spinta nel programma manco ci sarebbe entrato: che va bene abbia conosciuto Vittoria, però non ci si deve dimenticare dei vecchi amici, soprattutto non della signora Umiltà Vera.

Amici 18: Mauro Bonfanti, il professore di Alberto Urso, dichiara: “Questa non è opera”

Lui ha presentato Alberto Urso a Maria de Filippi ed ha accettato di esserne il professore perché Luciano Pavarotti pure l’avrebbe fatto. La sua speranza non era tanto che Alberto Urso vincesse (anzi) quanto trasmettere ai giovani l’amore per l’opera lirica.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: